sabato 29 novembre 2008

C'è country e country

video

I tempi sono oscuri, il futuro nebuloso, l'orizzonte invisibile.
Ma resta la musica, questa non ce la può togliere nessuno.

Bela Fleck, qui con i suoi Flecktones, è tra l'altro l'autore e l'esecutore di quel bellissimo duetto banjo-chitarra del film "Un tranquillo week-end di paura".

8 commenti:

la bislacca ha detto...

Hai ragione: c'è country e country.
Questo pezzo mi èpiaciuto tantissimo.
Sei un esperto di musica, Beyk?

JANAS ha detto...

devo dire che si...per certi versi mi stai insegnando un nuovo modo di accostarmi alla musica!
dall'ascolto delle prime note, questa musica aveva subito il rifiuto di un pensiero "preconcetto" ..poi mi sono fidata e ho ascoltato fino alla fine, e poi riascoltato...!
Bisogna affinare l'orecchio...imparare ad ascoltare, quasi come imparare a vedere!
Buona Domenica aldilà delle previsioni del tempo!!

beyk happel ha detto...

No, Bis, amo definirmi un "dilettante totale".
Nel senso che mi piace ascoltare musica, mi piace suonarla (come Tears in the rain), comporla, ma mi piace anche fare foto, leggere, discutere, sperimentare, mi piacciono il mare, la montagna, i boschi, le pianure...
Insomma, dovunque si possa spaziare, almeno in una dimensione, possibilmente in più d'una. ;)

Janas, c'è tanto in comune tra il rieducare l'orecchio e rieducare l'occhio a cogliere le sfumature invisibili al primo impatto.
Tu con l'occhio l'hai già fatto e ho notato che l'hai bello attento, per l'orecchio credo ti ci voglia davvero poco! ;)

Credo comunque che il discorso valga per qualunque senso e per qualunque capacità che ognuno di noi può coltivare.
Poi ci sono le doti naturali: vedi quella di Bis di esporre in parole le sue emozioni, la tua di cogliere con l'obiettivo particolari invisibili ai più, quella di Jean di trovare il lato umoristico di ogni cosa, ecc, ecc...

Jean du Yacht ha detto...

Ora caro il mio Beykafleck o Belakappel non è per fare il sapientone (o meglio sapientino) ma il sig. Bela Fleck ai tempi di Dueling Banjos aveva solo 15 anni,l'autore è Arthur Smith (quello di Guitar boogie) gli esecutori sono Steve Mandel e un altro che non ricordo ma non è PecoraBela Fleck, tiè incarta e porta a casa!
e quello stile non è proprio Country ma è Bluegrass, che letteralmente significa erba blu e quindi non può essere quella del vicino...

Eccellente comunque il pezzo di questo video, arricchito di sapore jazz (vedi clarino e sax soprano)
Ma lo sai che stai postando dei video bellissimi oltrechè originali! quasi quasi divento amico tuo;)

Pipoca ha detto...

ora io tutte 'ste sfumature non le capisco, ma ognuno ha i suoi sensi del resto.

la musica in generale mi fa un terribile effetto: foriera delle più grandi crisi di panico della mia vita (non reggo molto bene le emozioni), l'ho palpata danzando musica classica per ben 11 anni, amo addormentarmi con la musica (quando il sapore del tabacco truccato acutizza l'orecchio), ho vissuto per un certo periodo con un batterista (una follia!) eccitanti gli esercizi e la mia danza sfrenata davanti lo specchio, quando il solo fatto che non mi vedesse nessuno, aveva la magia di trascinarmi nella tribale essenza della musica che mi entrava nello stomaco, ho ascoltato parolieri inebetita (che ogni discorso era una canzone), di cui subisco il fascino anche ora, benché abbiano quasi tutti una discreta adipe...

ma di musica ahimè non ne capisco un Hacca... non l'ascolto, ma la sento.

son quelle cose che proprio non puoi razionalizzare, come quando leggi i promessi sposi con il commento a margine e a forza di razionalizzare e analizzare ti perdi la magia.

comunque mi piace

Pipoca ha detto...

ho dimenticato un apostrofo...

beyk happel ha detto...

Azz... mi hai beccato, eh?
Io sto qui a fare il saputello, poi spunti fuori tu e mi scopri gli altarini! ;)
Bluegrass o redmagr che sia, il pezzo è godereccio anzichenò, mi/ti/ci basti questo.

Pipoca, avevamo giusto bisogno della Danzatrice. ;)
Be'.. la musica mica la puoi razionalizzare, altrimenti diventa una questione scientifico-matematica e nulla più.
Continua pure a sentirla nella pancia, che va bene così.

JANAS ha detto...

ehi! mi sa che siete amici per la pelle tu e Jean..ahahhahahah!
...cercatori di pelo nell'uovo che non siete altri!!

eheh! non parlerò mai di Jazz in presenza di Jean, potrebbe farmi nera...!;))

Sono come Pipoca...L'essenza della musica passa per l'emozione che mi suscita...sia dal più misero e sconosciuto autore...al più noto e universalmente riconosciuto artista!
Zao!

Posta un commento