giovedì 13 novembre 2008

Sogno di mezza estate


Qualche tempo fa un'amica mi scrisse una mail allegando quest'incredibile sequenza fotografica.

Eliana, che è un'ottima nuotatrice, e il suo compagno Marcello stavano trasferendo... ma ve lo lascio leggere per come me l'ha scritto lei, ringraziandola per l'emozione che tutt'ora mi piglia ogni volta che rileggo queste righe ed anche per avermi permesso di pubblicare il tutto qui.


... volevo raccontarti cosa ci è capitato durante il trasferimento della barca di un amico da Genova alla Sardegna che abbiamo fatto approfittando dei ponti del primo maggio: durante la traversata (in vista della Corsica) ho avvistato una cosa strana (una pinna ed una coda fuori dall'acqua, ferme), ci siamo avvicinati ed era un delfino impigliato in quello che sembrava un palamito: a forza di dibattersi si era "incaprettato".
Aveva parecchi giri di lenza intorno al muso, che non riusciva ad aprire, ed i 2 capi di questa lenza gli si giravano intorno alla coda (bloccata in tensione) e sparivano in fondo al mare, bloccandolo.

Mi sono buttata con un coltello e l'ho liberato meglio che ho potuto.



Appena ha potuto si è allontanato, era stremato, più io nuotavo più lui accelerava, ma l'ho ripreso (l'ho abbracciato!) e ho tagliato tutti i fili che ho visto...



A quel punto era libero, ma le mani in bocca non riuscivo a mettergliele per capire cosa lo bloccava.




Intorno al muso aveva un solco molto profondo, ho tagliato la lenza più vicino che potevo, sperando che si sarebbe sciolto da solo e sono tornata in barca.


Anche altri 2 dell'equipaggio si erano buttati in acqua, ma non essendo nuotatori non sono mai riusciti ad avvicinarsi. Marcello invece ha continuato a filmare, fare foto e chiamare aiuto via radio e via telefono. Da Capo Corso hanno risposto che non potevano farci niente...ho fatto telefonare al 1530 in Italia dal mi' babbo (in Italia), niente... poi ci hanno chiamato dalla Francia e hanno fatto un sacco di domande, richieste di foto e film, ma nessun aiuto.



Io ero in barca, stavamo vicino al delfino che si muoveva piano ed ero molto triste (ci hanno detto che capita spesso, che quando è un po' che sono fermi vengono aggrediti dai parassiti e sono condannati); poi ha iniziato ad avvicinarsi alla barca, ha aperto il muso più volte, ha sollevato la testa e ci ha guardato, era a 1 metro dalla barca, eravamo impietriti, io lo stavo filmando.



Dopo averci guardato è passato sotto la prua della barca, è passato oltre e se ne è andato!

Vuol dire che è riuscito a liberare il muso, ha ripreso le forze, forse ha capito che lo avevamo aiutato, sembrava che ci salutasse, e se ne è andato...





Io spero tanto che si sia salvato! Ora è riconoscibilissimo: ha 2 solchi intorno al corpo, ma non riesco a capire di quale razza sia.

Per essere un tursiope è troppo piccolo, non ha i colori delle stenelle nè i disegni del delfino comune, al max è 1,5m, ma forse è una stenella.





Sono sicura che puoi capire la mia emozione, nuotare con un delfino e forse, se non salvarlo, almeno aiutarlo...






11 commenti:

la bislacca ha detto...

Una bella storia davvero, Beyk. Mi ha fatto tornare in mente un film che vedevo con mio figlio quando era piccolo. Un film ad alto tasso di lacrimevolezza (si può dire?).
Notte.

JANAS ha detto...

......dannazione beicappel, nei miei sogni più segreti (mica tanto! ...in famiglia sanno quanto amo i delfini) c'è la voglia un giorno di poterli avvicinare e stabilire un contatto con loro...!
Certo non in queste circostanze! Anche se in quel momento avrei voluto essere con la tua amica per poter condividere quell'emozione!
animali la cui intelligenza e sensibilità, non ha confini!
una vera meraviglia!
Che dire, m'inchino alla bravura di questa donna! Un gesto eccezionale in barba, a tutti quelli che avrebbero dovuto soccorrerlo e non l'hanno fatto!

beyk happel ha detto...

Bis, il film era per caso "Il ragazzo del delfino"?
Mhh...probabilmente no, perchè quando lo vidi io portavo i calzoni corti... ;)
Ricordo però la colonna sonora di solo chitarra davvero bella.

Janas, non sei la sola ad aver invidiato Eliana!
Mi è capitato spesso di vedere i delfini, una volta persino una balena (però in ambiente ben poco bucolico, era dentro il porto di Genova Voltri), ma mai di toccarli!

JANAS ha detto...

a chi lo dici? ..pardon..a chi lo scrivi?
L'unica occasione che ho avuto di vederli è stato allo zoomarine, e poi invece di godermi la loro vista ..ho passato tutto il tempo a fotografarli ...ma avevo gli occhi lucidi, e le foto sono venute decisamente male! Era meglio lasciare a casa la macchina fotografica!

Jean du Yacht ha detto...

Per Eliana deve essere stata proprio una grandissima emozione, non è certamente un fatto che ti capita tutti i giorni (fortunatamente per i delfini).
Bellissima la foto di testa, che so esser tua.

beyk happel ha detto...

Vabbe', Janas, con te, Bis e Jean organizzeremo una spedizione e li andremo a vedere in mezzo al mar! ;)

JANAS ha detto...

La foto è tua?? Bellissima!

magari..non alimentare sogni, che poi io finisco per crederci!!

grazie per il suggerimento nel mio post...è tutto il pomeriggio che sono caduta in una sorta di "trance" musicale!!

beyk happel ha detto...

Grazie Janas, ma ci vuole sempre un po' di culo a beccare foto di questo tipo.

Ti dice niente ".conserva un aspetto, un'età, e soprattutto una capacità di sognare che lo avvicinano fortemente agli esseri umani, ci invita a rincorrere instancabilmente tutti i nostri desideri 'irraggiungibili' e ci incoraggia a portare a termine anche i più ardui progetti." ?
Mai disperare...
MAI! ;)

JANAS ha detto...

he!he! ora non fare il modesto...non si dice culo...si dice occhio!!

aahhah!ahahah uhm si ..
questa frase mi ricorda qualcosa ..devo averla letto in una mia precedente vita..credo!!
fu quando avvenne uno straordinario miracolo e degli "animali" (se no qui le battute si sprecano!) imbalsamati presero inspiegabilmente a volare, grazie ad un angelo!
;)))))

Jean du Yacht ha detto...

dunque:

1° indizio: "animali" imbalsamati che inspiegabilmente prendono a volare.

2° indizio: se no qui le battute si sprecano.

deduzione: che "cazzo" saranno mai?

conclusione: beata ingenuità!

JANAS ha detto...

ahhaahh! aahahahh! Gianduiott..brancoli nel buio...
qui si parla di cose "mistiche" (mica di c***i)
...di miracoli che non hanno niente a che vedere con qualche sorta di medicinale portentoso ...ehheeh!
...e poi si sa ..gli angeli sono asessuati!

Posta un commento