giovedì 26 febbraio 2009

I gabbiani volano sempre verso il sole?


Il mare viene...

il mare va...

chi approfitta della calma...

osserva con occhi impazienti la neve che pare non voglia più andare via...

intanto la vecchia barca...

non vede l'ora di riprendere il mare...

per ricominciare a giocare...



in qualunque modo...

purchè sia gioco...

non importa se seguendo linee divergenti

o intersecanti.




28 commenti:

JANAS ha detto...

e tu volevi avere lezioni da me?....
la foto grande dei gabbiani...molto bella!
mi piace tantissimo anche la settima, veramente tanto :)

alla domanda: i gabbiani volano sempre verso il sole? non saprei rispondere ...sicuramente volano sempre verso la libertà ...che metaforicamente potremo chiamare anche il sole!!

Jean du Yacht ha detto...

eppure le ho già viste da qualche parte...

beyk happel ha detto...

Janas, ho chiesto il parere a un pescatore.
Mi ha detto che volano sempre verso i pescherecci! ;)

Jean, e dove mai avresti potuto vederle?

desaparecida ha detto...

mamma mia che meraviglia la foto grande dei gabbiani!!!

Che voglia di mare che ho oggi.....
di libertà
di aria!

nu vasuneddu :)

JANAS ha detto...

ecco!! mi hai rovinato tutta la poesia...:((

solo perchè il viaggio verso la libertà richiede molte energie!!!
quindi:
- prima legge per la libertà, procurarsi i generi di prima necessità con il minimo dispendio energetico!
eh! :))

beyk happel ha detto...

Ok!
Allora, prima un salto dai pescherecci e poi via verso il sole e la libertà! ;)))

jeanduyacht ha detto...

anche l'ultima, quel tipo lì coi colpi di luna nei capelli che guarda dove vanno i gabbiani o chissà cosa, da dietro non l'ho mai visto, eppure mi sembra familiare.

beyk happel ha detto...

Quel tipo lì con i colpi di luna dev'essere un turista di Bergamo.
Anzi, ne sono certo: è un pastore bergamasco.

JANAS ha detto...

ahahah!ahahah! :))) uguale uguale...( i capelli intendo...)
jean non sapevo avessi un musetto così simpatico!! :))))

soprattutto non sapevo avessi origini bergamasche!

la bislacca ha detto...

Ecco:io aspetto quasi febbrilmente il sole, il caldo, il mare.

beyk happel ha detto...

Bis... e ce lo vieni a dire tu che stai nel semiprofondo sud???
E che dobbiamo dire noi, poveri tapini, che stiamo nel profondo nord?
Che ci s'ingrigiscono pure i capelli, ci s'ingrigiscono... ;)

la bislacca ha detto...

A me non ridiventano mica biondi, Beyk. ;-)

Melisenda L. ha detto...

I gabbiani, io sapevo, volavano anche verso le discariche.

[ok, è solo il periodo...]

beyk happel ha detto...

Neanche i miei, Bis. ;)

Solo quando non trovano pescatori, Mel. ;)

la bislacca ha detto...

E così stasera il cielo è coperto e c'è uno scirocco che si potrebbe tagliare a fette. Se piove verrà giù la sabbia dall'Africa. :-(

JANAS ha detto...

Insomma tirando le somme qual'è la risposta conclusiva...di dove volano sti gabbiani?

secondo me, seguono le correnti ascensionali...

e smettetela di dire che volano verso i pescherecci o le discariche come se fosse l'unico motivo della loro esistenza....
sarebbe come dire che gli uomini camminano sempre verso la cucina...o il bagno!

JANAS ha detto...

come se fosse l'unico motivo della loro esistenza....

JANAS ha detto...

che suppongo invece siano ...:)))) le correnti ascensionali!

Melisenda L. ha detto...

ok, allora la metto sul pesante il Gabbiano dovrebbe essere, in base ad alcune interpretazioni, l'elemento di passaggio dall'immobilità all'azione del mito di Amore e Psiche.

[quel famoso mito in ci si blatera che l'amore c'è ed è meraviglioso fino a che non lo si guarda un faccia!]

Quell'elemento che una volta amato, aver perso l'amore ed aver sofferto quel dolore paralizzante che segue la perdita, rimette in gioco il tutto costringendo Psiche (la psiche) ad affrontare tutta una serie di prove sfigatissime.

Il gabbiano dà il segnale che il mondo va da schifo perché Amore, soffrendo come un cane per la perdita di Psiche, non fa più innamorare nessuno.

E quindi il gabbiano volò nel profondo dell'Oceano dove stava nuotando Venere per avvisarla dell'ambardan.

Quindi i gabbiano volano verso il profondo del mare, ma sarebbe meglio non lo facessero altrimenti significherebbe avere un mondo di cazzi acidi!

Melisenda L. ha detto...

che comunque voglio dire, non è che poi sia tanto così improbabile che gli uomini camminino sempre verso la cucina ed il bagno, una volta alzati dal divano, voglio dire.

JANAS ha detto...

Melis lo so che non ti piacciono i lieto fine ma hai omesso di scrivere la conclusione della storia del mito:
Dopo tante peripezie Amore e Psiche vissero felici e contenti ed ebbero una figlia che chiamarono Voluttà! ;)

beyk happel ha detto...

Se fate così li spedisco dai pescherecci e non se ne parla più!
Però... a pensarci bene... com'è la storia della voluttà? ;)

jeanduyacht ha detto...

Beyk se non ricordo male è un tipo di macchina uscita di serie, la Fiat Voluttas Tua. [la Mia invece la fanno tuttora:)]

jeanduyacht ha detto...

ma dove stà scritto che gli uomini alzatisi dal divano vanno sempre verso il bagno o la cucina?
io per esempio il divano non lo uso mai.

Jean du Yacht ha detto...

e invece le donzelle dove andrebbero di grazia?

Melisenda L. ha detto...

Sì però voglio dire, un po' di ingiustizia nella storia c'è e vabbene che il gabbiano ha segnato il punto di svolta bla bla e che poi è nata Voluttà.
ma se non c'erano le formiche, la canna e la torre, col cazzo che Psiche vinceva le prove. e poi comunque con uno come Amore non c'è sottovalutare l'optional della suocera (un po' egocentrica, se vogliamo e madre morbosa e gelosa).
e tutto per colpa di un gabbiano...
che alla fine poi la bellezza nella fiala Psiche se l'è pure bevuta e se non c'erano Amore e Zeus a salvarla, con casso che la storia andava a lieto fine.

[Sì, insomma, lo so, sono spoetizzata e se mi arriva un fulmine incenitore ora so anche chi è (scusa Venere, scusa scusa...]

...e Amore trionfa e Psiche diventa immortale e le sue sorelle muoiono sfracellate al suolo, che Zefiro quel giorno era per i cazzi suoi...

[ahahah]

*
Di grazia, le donzelle, quelle furbe, sostano sul divano e vanno solo all'occorrenza direzione bagno, mentre in direzione cucina, se son furbe, ci mandano qualcun altro, boh, che ne so, un uomo per esempio.

Melisenda L. ha detto...

[ahahah... in questo periodo mi sa che io son sotto l'influsso di Ate o di Eris... cioè che poi va pur sempre bene, che allora anche se ce l'avevi un po' in culo, se eri un po' acida, polemica, critica, spoetizzata, in un periodo un po' così, insomma qualcuno che ti proteggeva ce l'avevi anche; ma oggi... o sei buono sempre sempre sempre oppure la divinità è unica, prende appunti e poi va direttamente alla resa dei conti!]

beyk happel ha detto...

Mel, guarda che, sempre in questo medesimo, identico, stesso periodo, gli dei sono a far baldoria da qualche altra parte dell'universo.
Anzi, forse hanno cambiato galassia, o addirittura dimensione spazio-temporale!
Quindi stai pur tranquilla, che nella peggiore delle ipotesi, trovi qualcuno col "belino inverso" come te e fate comunella!

E ti assicuro che ce ne sono tanti...

Posta un commento